VIGILI URBANI
Vigili Urbani
STAZIONE CARABINIERI
Carabinieri
TENENZA GUARDIA DI FINANZA
G.Finanza
ALBERGHI
Alberghi
Bar / Gelaterie
Bar
Ristorazione
Ristorazione
Pista ciclabile
Piste ciclabili
Area sosta Camper
Area camper
Stazione autolinee
Stazione bus
Orario autobus
Orario bus
Orario treni regionali
Orario treni
Farmacie di turno
Farmacie
Le sette chiese di Lendinara
Chiese
Palazzi e Monumenti di Lendinara
Monumenti
Personaggi storici di Lendinara
Personaggi
IAT Ufficio del Turismo
IAT
Wi-Fi libero
Wi-Fi libero
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, l'utente accetta che possiamo collocare questi tipi di cookie nel dispositivo.

    Apri la Privacy Policy del sito

    Apri la e-Privacy Directive Documents

    Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere invertita.

Curiosità storiche

Stampa

Lettera al Re d'Italia

Le truppe del Generale Cialdini entrarono in Lendinara la mattina del 10 luglio 1866.

Una clausola del Trattato di Pace firmato a Vienna il 3 ottobre 1866 stabilì che l’annessione del Veneto al Regno d’Italia doveva essere sottoposta ad un Plebiscito, potevano votare tutti i cittadini maschi con più di 21 anni, compresi gli analfabeti, senza limiti di “censo”.

Il 22 ottobre 1866, poco prima della chiusura delle urne, alcune donne lendinaresi scrissero al re Vittorio Emanuele II una lettera, nella quale, oltre a manifestare, neanche troppo velatamente, il loro disappunto per essere state escluse dal diritto di voto, ribadivano tuttavia la loro volontà di aderire all’Italia unita sotto la monarchia sabauda

Sire